B17 la vitamina dell’albicocca – Noccioli di albicocca contro il cancro

I chimici conoscono che la relazione Laetrile sviluppa un effetto “amaro” che può essere diretto contro le cellule tumorali. Quando il Laetrile o vitamina B17 viene consumata, il fegato attiva un enzima speciale  il beta-glicosidasi che ha il compito di trasformare la vitamina B17 e scomporla in una molecola di benzaldeide (un analgesico) e una molecola di cianuro di idrogeno; quest’ultimo conosciuto anche come Cianidrico (acido prussico) che è altamente tossico e pericoloso, ma la tossicità dipende dal dosaggio e dal tipo di cellula colpita; Infatti le cellule con tessuto tumorale hanno molti più enzimi di tipo beta-glicosidasi rispetto alle cellule sane. Pertanto, le cellule tumorali si dividono più frequentemente e Laetrile o vitamina B17 generano cianuri anti cancerogeni. La cellula tumorale sta per avvelenare se stessa.

B17 ed il potenziamento insulinico che moltiplica l’effetto della vitamina

Le cellule sane rimangono inalterate dai cianuri anti cancerogeni in quanto esse possono neutralizzare la loro azione di avvelenamento grazie all’enzima rhodanese che solo le cellule sane producono e che le rende immuni dall’acido cianidrico.

Ma le cellule tumorali non sono immuni anzi con molti più enzimi beta-glicosidasi scompongono Laetrile o vitamina B17 avvelenandosi. Fornendo laetrile, o vitamina B17 dopo una terapia di potenziamento insulinico (IPT) le cellule tumorali ancora più voraci dopo il trattamento assumeranno tutte le sostanze presentate senza far differenza e se in questo momento rilasciamo laetrile – vitamina B17, possiamo anche ridurre il dosaggio ad un quinto delle normali infusioni, otterremo un processo di apoptosi mirato alle masse e tessuti tumorali trattati che inizieranno il loro processo di morte cellulare.

L’obiettivo di pre trattare con una terapia di potenziamento insulinico in combinazione con infusioni di vitamina B17 – laetrile è che la terapia IPT di potenziamento insulinico attacchi solo dove è necessario e riduca la dose necessaria a ben 1/5,  tale processo e tale combinazione potrebbe definirsi come una trattamento di chemio naturale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.